SCOPRI IL PROGETTO

Carnevale in tazza: scopri il vin brulè bianco ZEN

Carnevale, una festa di maschere, colori, e allegria, è il momento perfetto per lasciarsi andare e godersi le piccole gioie della vita. In quest’atmosfera giocosa vorrei condividere con voi non solo riflessioni, ma anche il calore e l’aroma di una bevanda aromatica, speziata e diffusissima in questo periodo: il nostro vin brulè bianco.

La magia del vin brulè con vino bianco

In questi giorni di festa, dove tutto è possibile e nulla è troppo stravagante, il vin brulè bianco si propone come il compagno ideale.

La ricetta che vi proponiamo oggi è il vin brulè bianco ZEN, una versione innovativa e raffinata, creata a partire dal nostro vino bianco passito. Nato dalla sapiente selezione e appassimento delle migliori uve, questo passito è una sinfonia di aromi fruttati e note legnose e speziate, ereditate dalla maturazione in legno.

Se cercate qualcosa di unico e avvolgente, non c’è periodo migliore di questo per assaporarlo.

La ricetta vin brulè bianco

Ingredienti

1 litro di Passito bianco ZEN

300 ml di succo di mela bio

2 stecche di cannella

1 anice stellato

2 arance bio

6 chiodi di garofano

3 cm di zenzero fresco

Preparazione

  • Tagliare la scorza d’arancia e affettare lo zenzero a rondelle sottili, togliendo prima la buccia.
  • In una pentola unire il vino, il succo di mela, le stecche di cannella, la stella di anice, la scorza d’arancia, i chiodi di garofano e i pezzetti di zenzero e lasciare in infusione per circa 1 ora.
  • Dopodiché portare a bollore e, dopo 5 minuti dall’avvio della bollitura, abbassare gradualmente la fiamma e continuare a cuocere per altri 10 minuti. Spegnere il fuoco e lasciare riposare per 3 minuti circa, dopodiché filtrare.
  • Servire bollente in bicchieri termici, decorare con una fetta d’arancia e qualche stellina di anice e infine gustare caldissimo.
ricetta-vin-brule-bianco

Vino e benessere – Il concetto di “ZEN”

ZEN non è solo il nome del vino, ma è un vero e proprio stile di vita. Nel bicchiere trovate un momento di pura serenità, un invito a rallentare e godersi il presente.

Il vin brulè bianco ZEN è il compagno perfetto per quelle serate in cui desiderate staccare dalla routine, stare in compagnia e immergervi in un’atmosfera di serenità.

Sentite il caldo sulle mani mentre tenete la tazza, il profumo intenso che invade la stanza, il gusto avvolgente che accarezza il palato, il ronzio festoso che vi circonda. Questo sì che è un bel momento per brindare.

zen vino passito bianco

Le spezie: il cuore aromatico del vin brulè bianco ZEN

La vera anima del vin brulè bianco ZEN risiede nella sua miscela esclusiva di spezie. Ciascuna è scelta con cura per esaltare i sapori naturali del vino e creare un’esperienza sensoriale completa. In questa alchimia di aromi, troviamo la cannella, con il suo sapore dolce e leggermente piccante, che ci ricorda in pieno le serate invernali davanti al camino.

L’anice stellato poi aggiunge una nota liquorosa e misteriosa, un richiamo alle spezie esotiche e ai viaggi lontani.

Non dimentichiamo il cardamomo, con il suo profumo pungente e leggermente agrumato, che porta un soffio di freschezza e vivacità.

Infine, i chiodi di garofano, con il loro aroma intenso e penetrante.

Queste spezie, unite alle sfumature fruttate del nostro vino passito, creano un vin brulè bianco unico, assolutamente da provare.

Le antiche radici del vin brulè

Il vin brulè ha una storia millenaria, un ponte tra passato e presente. Da “conditum paradoxum” dei Romani a simbolo di ospitalità e celebrazione, il vin brulè ha attraversato i secoli, diventando un’eredità culturale che noi in cantina onoriamo e rinnoviamo.

Il vin brulè in Europa

Ogni angolo d’Europa ha abbracciato e personalizzato questa tradizione. Dal nord freddo, con le sue versioni aromatiche e robuste, fino alle varianti più leggere del Mediterraneo, il vin brulè ha assunto tanti volti quanti sono i popoli che lo hanno adottato.

Il nostro vin brulè bianco ZEN è un’interpretazione moderna e delicata di questa tradizione, che unisce la leggerezza dei vini bianchi con un profilo aromatico unico e meno intenso rispetto al classico rosso.

La nostra interpretazione

Nel mondo del vin brulè, la nostra interpretazione del bianco rappresenta una svolta raffinata e innovativa.

Mentre il classico si fonda sulla profondità e la struttura del vino rosso, il nostro vin brulè bianco parte da vini bianchi selezionati, più leggeri e fruttati, che conferiscono un profilo aromatico più delicato e meno intenso.

Inoltre Il vin brulè bianco ZEN si distingue per le sue note più sottili e raffinate. Troverete sfumature di agrumi e frutti a polpa bianca, forse anche accenni floreali, che si fondono in maniera armoniosa con il calore delle spezie tradizionali.

L’esperienza di degustazione è più leggera e sottile, pur mantenendo lo spirito riscaldante e confortante del vin brulè tradizionale. È una bevanda che accoglie e riscalda, senza sopraffare, ideale per coloro che cercano qualcosa di diverso e unico nel panorama delle bevande invernali.

Ricette di Carnevale per la famiglia

Come mamma di quattro figli e imprenditrice vitivinicola nel territorio delle Langhe il Carnevale per me è anche sinonimo di creatività in cucina, giocando con le materie prime che questa preziosa terra ci offre. Una delle ricette preferite in famiglia sono le bugie ripiene di crema di nocciole. Piacciono ai miei figli e piacciono a noi adulti in abbinamento con il nostro vin brulè bianco ZEN.

Pronti a screenshottare e ricreare questa semplicissima e golosa ricetta!

Ingredienti:

Farina, zucchero, uova, burro

Crema di nocciole per il ripieno

Preparazione:

  • Mescolate gli ingredienti fino a ottenere una pasta liscia.
  • Stendete la pasta sottilmente e tagliatela in forme divertenti.
  • Farcite ogni bugia con un cucchiaio di crema di nocciole.
  • Friggetele fino a quando non diventano dorate e croccanti.
  • Spolverizzatele con zucchero a velo prima di servirle.

Lo proverete?

Attraverso la nostra interpretazione del vin brulè bianco ZEN invitiamo tutti a scoprire una nuova faccia di questa tradizionale bevanda invernale. È un viaggio che porta dal calore delle tradizioni a quello dell’innovazione, un invito a sperimentare e godere di nuove sfumature di gusto e aroma.

Fateci sapere se lo proverete, vi leggo con piacere.

Condividi sulla tua piattaforma preferita:

Articoli correlati

ARTICOLI RECENTI

Torna in cima